Diario dalla spiaggia


In acqua col tuo bambino


27 aprile 2015


Ogni bambino – quindi anche il tuo! – si comporta diversamente al contatto con l’acqua. Com’è ovvio, la presenza tua al suo fianco è sempre necessaria.

Per i bebè con meno di tre mesi è importante che la temperatura dell’alta non sia bassa: potranno così cominciare ad assaggiarla entrando solo con i piedini.

Se il tuo bimbo è davvero piccino è bene evitarei bagni in mare: meglio una mini-piscina, tipo quelle gonfiabili (e trasportabili), così l’acqua può essere ben scaldata dal sole dopo pochi minuti. Fuori dall’acqua cambiagli il costume, perché l’umidità può facilmente irritare la pelle.

Quando il piccolo diventa un po’ meno piccolo (indicativamente intorno ai sei mesi) potrai fargli provare un bagnetto completo, gradualmente: dal gioco sulla battigia per qualche minuto alla camminata con i piedini immersi, sino all’immersione vera e propria. Ricordati di far capire al tuo piccino che si tratta di un momento allegro e giocoso da vivere insieme, così da stemperare i naturali schizzi improvvisi d’acqua o le onde impertinenti che potrebbero spaventarlo.

Da non dimenticare, infine, che anche i capelli dei bambini sono particolarmente delicati. Per questo è bene sciacquarli sempre dall’acqua salata.

Dopo il bagno, riapplica sulla sua pelle il latte solare.